Ultime News

Alimentazione fuori casa

è con orgoglio che informiamo di essere stati certificati per una sana alimentazione fuori casa senza glutine - primi piatti, secondi e dolci dedicati a Voi


 
CENTENARIO GG

Partendo dal nostro rifugio potrai visitare i luoghi della Grande Guerra.

In occasione del centenario proponiamo:

2 notti, con cena, pernottamento, colazione, acqua, vino, caffè   €   80,00

3 notti, con cena, pernottamento, colazione, acqua, vino, caffè   €  120,00

bambini fino a 6 anni gratis

Eventi

APERTURA RIFUGIO

IL RIFUGIO LANCIA

E' APERTO TUTTI I GIORNI

FINO A DOMENICA 1 OTTOBRE

 

 

 

 

29°C
Trambileno
Nubi irregolari con temporali
Umidità: 57%
Vento: 1 nodi variabile
Gio

32°C
Ven

33°C
Sab

26°C
Dom

28°C
Indice
Storia del Rifugio Lancia
Pagina 2
Tutte le pagine

Tra storia e natura

Al limite Nord-Ovest dell'Alpe Pozze, dove iniziano le pendici del Col Santo, sorge questa bella e gradevole costruzione di proprietà della Sezione di Rovereto della S.A.T.-C.A.I.. Situato nel cuore del Pasubio ed eretto sui resti di un'ex costruzione austroungarica ,il Rifugio Lancia è l'ideale punto d'appoggio per gli innumerevoli appassionati che salgono fin lassù per godere delle bellezze naturali offerte da un paesaggio estremamente vario ed interessante.

Le prime frequentazioni nella zona dove poi sorgerà il rifugio risalgono alle stagioni invernali degli anni venti quando un gruppo di sciatori roveretani saliva all'Alpe Pozze dove esistevano i più vasti campi da sci del Trentino meridionale. Essi facevano riferimento a Malga Pozza, che tuttora esiste , la quale fungeva da “primo rifugio” e che ben presto si rivelò inadeguata per ospitare il crescente numero di sciatori che frequentavano il posto.

L'iniziativa e la costruzione del rifugio ebbero un solo nome: Amedeo Costa, l'illustre roveretano nonché insigne alpinista il quale, seppur nell'indifferenza di tanti e contro varie difficoltà, volle a tutti i costi realizzare un'opera che ricordasse l'amico Vincenzo Lancia, pioniere dell'automobilismo da poco scomparso.

Naque così un comitato guidato dallo stesso Costa al quale seguì il progetto del rifugio eseguito da un altro grande roveretano: l'architetto Giovanni Tiella. La posa della prima pietra avvenne, con solenne cerimonia, il 17 luglio1938. Grazie alla generosità ed all'abnegazione della gente di Trambileno, che lavorò anche gratuitamente per la costruzione del rifugio, esso fu terminato in breve tempo, tanto che il 28 ottobre 1939 venne inaugurato alla presenza delle massime autorità del tempo. Appena un anno dopo, il 20 ottobre 1940, Amedeo Costa mantenne la promessa di donarlo al C.A.I. e ci fu l'assegnazione dello stesso alla sezione S.A.T. di Rovereto.

Per favorire l'accesso al rifugio ed ai campi da sci circostanti Amedeo Costa pensò e realizzò anche la prima seggiovia del basso Trentino che si sviluppava in due tronchi: il primo collegava la zona di Malga Cheserle al rifugio e fu costruito nel 1947; il secondo, eretto tre anni dopo, partiva dal paese di Pozzacchio per arrivare nei pressi di Malga Monticello. Questo secondo tratto fu addirittura collaudato dal generale Umberto Nobile, già comandante dei dirigibili Norge e Italia, allora reintegrato nei ruoli del Genio. Tra periodi gloriosi e vicissitudini varie, non ultima l'entrata in vigore di rigide normative riguardanti gli impianti a fune, le seggiovie chiusero i battenti verso la metà degli anni 50 e furono successivamente smantellate.

Approfondimenti:
Pasubio: la preistoria più antica
Pasubio: il tempo dei dinosauri
Pasubio: sulle tracce dei viandanti